In 19 minuti, una squadra di cecchini ha distrutto 17 trasformatori in una centrale elettrica in California

Quando un vero e proprio attacco terroristico accade, a volte non ne sentiamo parlare fino a mesi dopo (se mai ne sentiremo parlare affatto). Ad esempio, lo sapevate che una squadra di cecchini ha sparato su una centrale elettrica in California?

I terroristi hanno distrutto 17 trasformatori e hanno fatto così tanti danni che la centrale è stata chiusa per un mese. E ci sono voluti solo 19 minuti di azione per farlo. Naturalmente la maggior parte degli americani non ha assolutamente idea di cosa sia successo, questo perchè ottengono le loro notizie dai media mainstream. Il presidente della Federal Energy Regulatory Commission afferma che questo è stato “il più significativo episodio di terrorismo interno che abbia coinvolto un impianto elettrico”, e ancora non si sente niente riguardo questa notizia. Sono troppo occupati a coprire le ultime notizie legate allo scandalo di Justin Bieber .

E forse è buona cosa che la maggior parte delle persone non conoscano quanto successo. La verità è che siamo una nazione che pullula di “obiettivi semplici”, e se la gente dovesse capire quanto siamo vulnerabili , potrebbero andare fuori di testa.

Se non avete ancora sentito parlare dell’attacco alla sottostazione del Silicon Valley, dovreste informarvi. Il seguente è un estratto da un articolo di Business Insider sull’assalto dei cecchini:

Il Wall Street Journal riferisce che un ex presidente della Federal Energy Regulatory Commission sta riconoscendo per la prima volta che un gruppo di cecchini ha sparato su una sottostazione nella Silicon Valley per 19 minuti lo scorso anno, distruggendo 17 trasformatori prima di scomparire nella notte.

L’attacco è stato “il più significativo episodio di terrorismo interno che coinvolta la griglia-elettrica che sia mai accaduto “negli Stati Uniti, ha spiegato Jon Wellinghoff, che era presidente della Federal Energy Regulatory Commission.

Prove trovate sulla scena hanno incluso ” 100 bossili di cartucce senza impronte e piccoli mucchi di rocce” che sembravano essere stati lasciati li da un esploratore in anticipo per lasciare traccia per i cecchini, dove posizionarsi al meglio per l’azione terroristica.”

Talmente tanti sono stati i danni che la stazione elettrica è rimasta chiusa per un mese.

E cosa succederebbe se la prossima volta decidessero di attaccare un impianto nucleare e usare armi ancora più distruttive?

Potremmo avere un’altra Fukushima, ma questa volta in America?

In un precedente articolo , ho discusso una relazione molto inquietante che ha dimostrato che i nostri impianti nucleari sono infatti estremamente vulnerabili.

La verità è che siamo molto, molto più vulnerabile agli attacchi terroristici rispetto a quanto pensano la maggior parte degli americani.

Allora, perché il governo federale non sta facendo di più per proteggerci?

Beh, la realtà è che le loro risorse sono già piuttosto esigue e non possono neppure proteggere i propri computer. Secondo un altro rapporto che è stato recentemente rilasciato, le violazioni delle reti informatiche governative passate inosservate sono oltre il 40%.

Un nuovo rapporto dal senatore Tom Coburn (R., Oklahoma) ha diffuso dettagli sulla violazioni della sicurezza informatica del governo federale, nonostante i miliardi di spesa per assicurare protezione alle informazioni più sensibili della nazione.

Il rapporto , pubblicato il Martedì, ha rilevato che circa il 40 per cento delle violazioni vengono inosservate  e ha inoltre evidenziato “gravi vulnerabilità negli sforzi del governo per proteggere i propri computer e le reti civili.”

“Negli ultimi anni, abbiamo visto significative violazioni di sicurezza informatica che potrebbero influire sulle infrastrutture critiche degli Stati Uniti”, dice il rapporto. ” I dati relative alle dighe più deboli del paese, comprese quelle che potrebbero uccidere gli americani se non sono protette correttamente, sono stati rubati da una intrusione dannosa. I piani di sicurezza informatica confidenziali sulle centrali nucleari sono state lasciate senza protezione. Le piantine per la tecnologia che viene utilizzata alla Borsa di New York sono stati esposti dagli hacker. ”

Siamo una nazione estremamente vulnerabile che ha letteralmente migliaia di grandi, grassi succosi “obiettivi soft” che potrebbero essere attaccati in qualsiasi momento.

Siamo stati molto fortunati a vivere in un’epoca in cui siamo stati generalmente al sicuro da questi attacchi, ma il mondo sta cambiando rapidamente sotto i nostri occhi.

FONTI che riportano la notizia.

Fonte.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>