Grande Fratello russo. Il vicepremier svela inavvertitamente: “Vi spiamo anche in doccia”

Il vicepremier russo Kozac ha rivelato, in conferenza stampa e senza volerlo, che anche i bagni delle stanze del villaggio olimpico di Sochi sono videosorvegliate.

Grande Fratello russo. Il vicepremier svela inavvertitamente: "Vi spiamo anche in doccia"Spiati anche in doccia. E’ quanto ha svelato, senza volerlo, il vicepremier russo Dmitri Kozak, durante una conferenza stampa tenutasi nella giornata di giovedì, in vista dell’inaugurazioni delle Olimpiadi.

In quest’occasione, l’uomo stava cercando di smorzare le critiche dei media riguardo la pessima accoglienza ricevuta al loro arrivo presso il villaggio olimpico: alberghi non finiti, liquidi non ben identificati che escono dai rubinetti delle camere, locali sporchi e fatiscenti. Secondo Kozak, però, le lamentele non sarebbero stato altro che un ennesimo tentativo di sabotare i Giochi. Per persuadere i presenti della sua tesi ha poi aggiunto, senza pensare alle conseguenze: “Abbiamo immagini video di gente che apre l’acqua della doccia, punta il getto contro il muro e lascia la stanza per tutta la giornata”.

Ovviamente la rivelazione ha lasciato sconcertati tutti i giornalisti presenti, ma la conferenza stampa è stata immediatamente interrotta e Kozac ritiratosi. In serata, poi, è giunta la precisazione del portavoce del vicepremier: secondo la versione “riparatrice”, le stanze sono state sì sorvegliate, ma soltanto durante i lavori di costruzione. Ora, comunque, sui social network non fanno altro che circolare suggerimenti su come sfuggire al Grande Fratello russo: per esempio, entrando in bagno, basta chiudere la porta e lasciar scorrere l’acqua calda per dieci minuti. Qualora, sullo specchio appannato, si formasse una chiazza, allora dietro potrebbe esserci una telecamera e di conseguenza la stanza sarebbe controllata.

Fonte.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>